19 novembre 2010

Rag Quilt... riciclando tessuti (una coperta da Kg 2,300!!) - Tutorial II parte






Eccomi a voi!
nell'ultimo post sul rag  (Tutorial I parte) ero arrivata a spiegarvi come costruire i blocchi con l'imbottitura, per poi trapuntarli.
Diciamo pure che quello era il lavoro più grande.
Adesso bisogna unirli.
Vi consiglio di dividere tutto il quilt in tre grandi blocchi formati dalle strisce/file di quadrati della larghezza.
Se preparate le singole file di blocchi e le unite una alla volta vi troverete a dovervi trascinare il quilt che mano a mano si appesantisce parecchio. Quindi è meglio unire le file a tre a tre e infine cucire questi grandi blocchi  l'uno con l'altro.
Il mio rag quilt pesa 2 kili e 300 grammi! ....prima di unire l'ultimo pezzo ho fatto merenda :)

Per quanto riguarda le cuciture, è ovvio che bisogna alternare la piega dei margini, altrimenti lo spessore diventa davvero eccessivo: uno in un verso e uno in un altro...
ed è preferibile che quello che sta sotto vada verso di noi: non potendolo tenere d'occhio, in questo modo è difficile che si sposti. Mentre quello che abbiamo in alto a vista va in senso contrario alla cucitura.
Iniziate facendo combaciare gli angoli dei primi due blocchi sovrapposti e gli incroci della fine dei due blocchi.
Bloccateli tenendoli ben saldi e proseguite con la cucitura.
Così se ci sono piccole differenze di qualche millimetro verranno annullate.

Mano a mano che proseguite controllate se corrispondono gli incroci dei quadrati più avanti, in modo da prevedere altre differenze e tirare un pochino di più per far combaciare gli incroci.




Un'altra cosa importante è che bisogna ripetere due volte le cuciture.





Essendo un quilt che risulterà un pò pesante, penso che sia più sicuro fare la doppia cucitura.



 

Prima di fare la seconda cucitura eliminate l'imbastitura! altrimenti si fisserà ostinatamente e in alcuni punti sarà difficile toglierla.

Vi ricordo che ho calcolato 2 cm di margine che sarà poi quello che alla fine formerà le frange.


 Per il bordo del quilt: ho fatto le due cuciture sempre con lo stesso margine, ovviamente sul bordo le frange saranno dimezzate, non venendosi a sommare con quelle di altri blocchi.
Anche questi bordi possono essere tagliati a formare le frange, ma io non ho ancora deciso se invece metterò un tessuto di lana in sbieco per formare un bel bordo, che copra naturalmente i fatidici 2 cm.
Esteticamente forse lo preferirò, non solo per la consistenza che darà al bordo (che nel caso delle frange inevitabilmente si assottiglierà), ma immaginando il bordo colorato che si vedrà anche sul retro, dove ci sono i tessuti jeans, mi pare che possa essere una bella variante.
Non sò se alla fine opterò per quest'ultima variante, dipende anche dal tempo che ancora voglio dedicargli.




Infine, il taglio delle frange:  le mie forbici avrebbero bisogno di una bella limata.
Lavoro lo stesso, ma devo ripetere il movimento del taglio più volte. Non è proprio una passeggiata, ma soprattutto aumentano le possibilità di fare qualche taglio dove non serve!... non mi è capitato, ma devo stare attenta.
Perciò, trovo utilissimo consigliarvi un bel paio di forbici affilate.
Farete molta fatica in meno e velocizzerete il tutto e senza danni.




Dov'è il mio rag finito?... lo vedrete in uno dei prossimi post :) 

...


No, eccolo qui!












22 commenti:

  1. Bellissima, che lavorone. Io non potrei mai fare una cosa del genere, non ho abbastanza pazienza. Sei bravissima :)

    RispondiElimina
  2. Uauhhhh che spettacolo di colori!!!! ciao cara Loryan, grazie per le tue spiegazioni meravigliose. Ogni volta che entro nel tuo blog mi viene voglia di un progetto nuovo!!!!!
    Mi piace tanto il tuo lavoro! un bacione vania

    RispondiElimina
  3. Ma sai che non riesco a decidere se mi piace di più la parte in jeans o quella tutta colorata?
    Hai fatto un gran lavorone: grazie per tutti i tuoi insegnamenti.

    E quei dolcissimi occhioni??? Una modella d'eccellenza!
    Bacioni a te e tante coccole alla tua pelosina.
    Laura

    RispondiElimina
  4. Bella bella bella ed anche molto intelligente fatta con i tessuti riciclati:adoro queste cose perchè , con gli anni, sto diventando un'ecologista e non mi piacciono gli sprechi.Percui un applauso alla tua bravura e al tuo ingegno .Ciao e buon week end
    Gilda

    RispondiElimina
  5. Bel lavoro Loryan!! Anch'io non saprei decidere quale dei due lati preferisco! Bellissimi entrambi!! :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Loryan, direi che sono 2.300 kg.......di grande bravura!!!!! ahahahhhhaaahhh!!!!
    non si direbbe mai che sono due lati di uno stesso quilt e non saprei anch'io quale scegliere!! proprio un'ottimo lavoro!!

    grazie per avermi segnalato il problema dell'impossibilità di ingrandire le foto...ho scoperto che non è un'unica, devo capire perchè lo fa e rimediare!

    RispondiElimina
  7. Buon pomeriggio a tutte!

    grazie Lory!... ma tu fai delle borse meravigliose, come puoi dire che non hai abbastanza pazienza!! :))

    Vania, che bello che ti faccio venir voglia di nuovi progetti!... intanto le tue stupende casette hanno fatto venir voglia a me di pensare a nuovi progetti!

    Mem, ti confesso che il retro piace molto anche a me, beh...diciamo che ho fatto un double face!
    La modella pelosina, mia adorata, mi sta sempre vicina nei lavori… spesso passeggia tra me e la mia macchina da cucire, proprio mentre cucio, per farsi baciare!
    (ti manda tante fusa ♥)

    Gilda, grazie!... anch'io non sopporto gli sprechi e poi ho una specie di ispirazione quando qualche tessuto nella teoria non è più utilizzabile, mi vengono una serie di visioni per trasformarli: pensa a questo rag che è ottenuto da camicie e pantaloni jeans che non andavano più bene di misura. Vedere che può venir fuori una coperta da tutte quelle stoffe mi dà molta soddisfazione.

    Maria Teresa, anch'io sarei indecisa, mi piacciono tutt'e due, tra l'altro a ben guardare dovete ammettere che ancora il quilt non lo avete visto....eh sì perchè ho postato delle foto del lato flanella ma senza ancora aver tagliato le frange, che sono poi la caratteristica principale di questa tecnica 

    A proposito: non me la sono sentita di consigliare il lavaggio finale in lavatrice con tanto di bella centrifuga per arruffare meglio le frange, perché pare (guardando in altri siti dove ne parlano) che possa venir fuori una certa quantità di fili tale da intasare la lavatrice. Mah, certo è che prima di tagliare le frange ho rifilato i bordi dagli sfilacciamenti, perciò non penso possa succedere chissà cosa.

    Cathy, ho un po’ distrutto la mia mano destra a forza di tagliare… però ne è valsa la pena, cioè… per una volta si può fare, per la prossima voglio un paio di forbici da 140 euro!
    guarda queste…
    http://www.bottegadelcoltello.it/it/categories/pertagliareitessuti-s52.htm

    Per quanto riguarda le foto del tuo blog: quando le carichi nel post non c’è l’opzione delle varie misure?
    Se ti serve una mano dimmelo 

    Ragazze, grazie a tutte per i complimenti, per la visita e… un abbraccio ad ognuna.
    A presto.

    RispondiElimina
  8. Cara Loryan, guardavo la foto del progetto e l'ultima delle flanelle prima del taglio frange e non c'è differenza... Doppi complimenti vista la disavventura del free motion :))) Se nel tempo dovessi stufarti del tuo rag quilt puoi sempre utilizzarlo per fare ginnastica, con un quilt di 2,3 kg sai che bicipiti ^_^ Devo dire che non vedo l'ora di vedere tutte le frange... Un abbraccio. Lina

    RispondiElimina
  9. Lina,
    rispetto al progetto qualche colore ho dovuto cambiarlo, perchè alcune camicie erano per bimbi piccoli e non bastavano le misure.
    ma non si nota!...
    Oh, stai tranquilla non mi stuferei mai del mio quilt, ma non sò ancora a chi andrà :)) non credo a me.
    Così, ho deciso di collaudarlo per tre sere: ho dormito benissimo!!...sarà l'imbottitura in cotone o non sò cosa, ma è stato di un tepore unico, non era eccessivamente caldo, nè ho avuto freddo, sembrava una seconda pelle, come non averlo addosso e il peso non l'ho avvertito assolutamente. Una cosa stranissima!
    Sono contenta, perchè anche a livello di utilizzo è venuta una bella coperta.
    L'ho finita e adesso è messa da parte per un motivo...
    Grazie per i complimenti, Lina :)
    un abbraccio anche a te.

    RispondiElimina
  10. Ciao Loryan.
    Un passaggio veloce a rimirare nuovamente il tuo quilt e a lasciarti un caldo abbraccio.

    RispondiElimina
  11. Mem, qui ha cominciato a fare freddino...
    e il tuo abbraccio mi piace.
    Adesso passo da te a guardare la nuova creazione...

    RispondiElimina
  12. pensavo che scherzassi sui 140 euro di forbici.....le ho viste!
    detto sinceramente preferirei massacrarmi la mano e spendere i soldini per le stoffine!!!!

    grazie Lory, ma sono riuscita a risolvere il problema: ora ho ripostato la foto e si può ingrandire, le altre più indietro le farò quando avro più tempo.
    un caldo abbraccio.....visto la gelata di oggi!!!
    Cathy

    RispondiElimina
  13. Eh no!!!... non solo non scherzavo riguardo al costo di quelle belle forbici ma adesso, sinceramente, vi dico che le mie forbici della singer, che ho da più di 15 anni, tagliano ancora bene si... ma per il rag ci vogliono quelle affilatissime: davvero le mia mano destra s'è conciata male... l'indice si è addormentato per una settimana! :) adesso pare stia tornando in sè... gli faccio un caffè, và...

    Un caro abbraccio a te, Cathy.

    RispondiElimina
  14. Ciao..anch'io sono ripassata! sono contenta che ti sia piaciuta la copertina per la mia nuova futura cuginetta!!
    baci vania

    RispondiElimina
  15. CIAO GRAZIE PER ESSERE PASSATA NEL MIO BLOG, ECCOMI NEL TUO! :)
    COMPLIMENTI PER IL TUO RAG QUILT
    TROPPO BELLO!

    RispondiElimina
  16. Ciao Vania!... i tuoi lavori sono sempre così deliziosi! è un piacere ammirarli.
    grazie per le tua compagnia, mi sembra di vederti cucire!
    baci ♥

    RispondiElimina
  17. Ciao Paoletta, grazie per la visita e i complimenti!
    pian piano guarderò tutto il tuo blog: ci sono delle meraviglie!!!

    a presto :)

    RispondiElimina
  18. Muito lindo o seu blog,amei.São maravilhosos os seus trabalhos.BJS JA ESTOU SEGUINDO

    RispondiElimina
  19. Sono passata di nuovo! beh il tuo giudizio sul mio quiltino delle stagioni mi ha commossa! detto da un'artista fa molto piacere! (l'ho letto con orgoglio anche alla mia mamma!)...grazie di cuore, buon week end

    RispondiElimina
  20. Ps :la nuova intestazione merita!!!!!baci

    RispondiElimina
  21. Ciao Marcia Valeria,
    grazie molte per la visita e per il tuo gentile commento.
    Verrò a presto a visitare il tuo blog!
    Un saluto.

    RispondiElimina
  22. Ciao Vania :)
    beh, visto il tuo stupendo lavoro il mio giudizio è meritatissimo!

    La mia nuova intestazione era d'obbligo, e probabilmente non è quella definitiva: mi stanco presto e mi piace cambiare :)

    grazie a te di tutto,
    baci... e sereno week end anche a te.

    RispondiElimina